Musei in Liguria da visitare: il museo della filigrana a Campo Ligure

Scritto da Residence Orchidea - Pietra Ligure on . Postato in Musei di Liguria

Musei in Liguria da visitare: il museo della filigrana a Campo Ligure.
Amiamo cercare e provare nuove escursioni da poterti poi proporre pensando sempre ad interesse, tempistica e voglia di muoverti in auto. Uniamo il piacere delle gite con la conoscenza, la passione e la scoperta.
Un Museo che ci è piaciuto tantissimo è il museo della filigrana di Campo Ligure. Campo Ligure è un piccolo borgo a circa 30 chilometri da Genova, sulle sponde del torrente Stura, tra il Parco naturale regionale del Beigua e il Parco delle Capanne di Marcarolo. E’ uno dei 22 borghi (di Liguria) più belli d’Italia.
Il borgo è raggiungibile sia in auto Autostrada A26 Genova-Gravellona Toce, uscita Masone. Percorrendo la statale “passo del Turchino” n. 456 si arriva in breve a Campo Ligure. La cittadina dista 35 km da Genova, 40 km da Alessandria, 150 km da Torino, 120 km da Milano. Sia in treno: stazione ferroviaria di Campo Ligure, sulla linea ferroviaria Genova Brignole-Acqui terme-Asti con un viaggio di circa 45 minuti mentre il tratto Acqui terme-Campo ligure è percorribile in 35 minuti.
Gli orari di apertura sono: Febbraio, Marzo, Aprile, Ottobre e Novembre
Sabato e Domenica: 10.30 – 12.00 e 15.30 – 18.00
Gennaio, Maggio, Giugno, Luglio, Agosto, Settembre, Dicembre
Venerdì: 15.30-18.00
Sabato e Domenica: 10.30-12.00 e 15.30-18.00
Lunedì: chiuso
Martedì, Mercoledì e Giovedì: solo su prenotazione
Prezzo Intero: 4,00 euro Prezzo Ridotto: 3,00 € (over 65, bambini e ragazzi tra 7 e 14 anni, gruppi min. 25 persone)
Gratuito (bambini tra 0 e 7 anni, disabile con accompagnatore, guide patentate in accompagnamento a gruppi).
Nei due piani del museo potrai scoprire cos’è la filigrana, come si lavora e troverai oggetti provenienti da differenti nazioni e create in periodi storici diversi. Vedrai vere e proprie opere d’arte di varie scuole di lavorazione. Venezia, Genova, Cortina d’Ampezzo e Firenze. Caratteristico della Cina ad esempio è l’utilizzo di un filo d’argento tondo sottile quanto un capello umano e l’impiego di materiale quali l’avorio, la tartaruga o i gusci di noce come supporto alla filigrana. La filigrana russa e quella nepalese si distinguono invece per il largo impiego di smalti con particolare attenzione ai colori. Quella indiana la si riconosce attraverso la varietá di oggetti legata agli usi del posto.
I video ti accompagneranno lungo il percorso in un ambiente curato e scoprirai l’arte di lavorare il filo.  Le tante fasi di lavorazione, la fusione, la trafilatura, la torcitura, la laminatura, la scafalatura, la riempitura, l’assemblaggio e la rifinitura. L’uomo, la bellezza, l’impegno, la passione, la tradizione e l’arte qui si sposano in meravigliosi oggetti unici. 
Candelabri, cinture, ventagli, diademi, scrigni, templi, piccoli cocchi, cofanetti, teiere, portaspezie, portagioie, giraffe, cesti, bracciali, anelli, spade e …. 
Il Museo di Campo Ligure è da visitare: i tuoi bambini rimarranno affascinati da tanta meraviglia! E… poi per le vie di Campo Ligure puoi fare acquisti in negozi antichi dove l’arte della filigrana continua a vivere.
Richiedi allo Staff del Residence Orchidea di Pietra Ligure le altre tante idee per una vacanza di esperienza e meraviglia! 



 

 

Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

Share This